News dalla Calabria

Torna alla lista

I dati del Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano Calabro nell'anno 2019

04/02/2020

Ieri, alla presenza di tutti i Vescovo della regione, nell'Aula Magna del Seminario di Reggio Calabria, vi è stata l'inaugurazione dell'Anno giudiziaro del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro (Teic). 
Il momento inaugurale è stato presieduto da monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo metropolita di Reggio Calabria-Bova e moderatore del Teic, e da monsignor Vincenzo Varone, vicario giudiziale del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro.

Il primo intervento in programma è stato quello di monsignor Vincenzo Bertolone, presidente della Conferenza Episcopale Calabra, mentre la prolusione inaugurale è stata tenuta da Cesare Mirabelli, presidente emerito della Corte Costituzionale, sul tema: «La tutela dei diritti umani al servizio dello sviluppo integrale della persona». 

Pubblichiamo i  dati del Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano Calabro per l'anno 2019. 

Nel 2019, il Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro ha introdotte 147 cause di annullamento, di cui 13 processi brevior. Un carico di lavoro che è andato ad unirsi alle cause pendenti dell’anno precedente (pari a 161): a oggi, ne sono state esaminate 295, pari al 95% rispetto al totale dei processi in corso, di cui 119 sono arrivate a una decisione finale (in 111 casi si è arrivati a depositare pure la sentenza). Altrettanto interessante è evidenziare come il 96% delle cause decise hanno avuto un esito affermativo. I processi brevior del 2019 giungono in gran parte dalla diocesi di Locri – Gerace (6 casi su 13). Rispetto ai tempi della giustizia: il 50% delle cause vengono definite entro un anno; dopo 24 mesi soltanto l’11% delle coppie non ha ancora avuto una sentenza definitiva.

I capi di nullità più ridondanti nell’ultimo quadriennio, rispetto alle cause termine, riguardano il «grave difetto di discrezione di giudizio», cioè in termini non tecnici tale capo fa riferimento alla parola generica dell’immaturità, a cui si sono appellati 75 coppie di cui l’86% ha ottenuto la nullità. Altri capi di nullità molto diffusi in Calabria sono: l’«esclusione della prole», ossia la volontà di non volere mai avere figli da uno dei due partner, con 21 cause (di cui 19 decisi pro nullità); l’«esclusione dell’indissolubilità», che riguarda i famosi casi dei “matrimonio a prova” con un partner determinato a non rispettare il vincolo nunziale che li lega a vita, con 17 casi di cui 14 hanno ottenuto la nullità del Sacramento; e l’«errore su qualità della persona», cioè quando la falsa rappresentazione della realtà concorre a determinare la volontà del soggetto a sposarsi, con 12 coppie che hanno ricorso in tal senso e solo una ha visto rigettare la propria causa. Sempre meno frequente è il caso del «timore incusso», vale a dire i matrimoni celebrati sotto minaccia, con 2 casi in tutto il territorio calabrese, entrambi rigettati dai giudici del Teic. Vale la pena evidenziare che le coppie che chiedono la nullità, per oltre il 55% convivono da meno di tre anni (tra cui il 19% da neanche un anno).



Fotogallery