News dall'Italia e dal mondo

Torna alla lista

Francesco: la guerra porta solo morte. Sako: l’Iraq non sia un campo di battaglia

05/01/2020

Papa Francesco esprime la sua preoccupazione per quanto sta accadendo in alcune parti del mondo con una crescente tensione che si teme possa sfociare in un’escalation di violenza. Al termine della preghiera mariana, il Pontefice ricorda che la guerra porta distruzione e che è necessario lavorare per favorire il dialogo tra le parti.

“In tante parti del mondo si sente la terribile aria di tensione. La guerra porta solo morte e distruzione. Chiamo tutte le parti a mantenere accesa la fiamma del dialogo e dell’autocontrollo e di scongiurare l’ombra dell’inimicizia. Preghiamo in silenzio perché il Signore ci dia questa grazia”.

La situazione tra Usa e Iran
Ancora tensione tra Stati Uniti e Iran dopo l’uccisione, nei giorni scorsi, del generale iraniano Qassem Soleimani in seguito ad un raid Usa su Baghdad. Nel primo giorno di lutto, dei tre proclamati in Iran, migliaia di persone hanno partecipato per le strade di Ahvaz al corteo funebre in memoria del generale. Nella vicenda è intervenuto l’Alto rappresentante dell’Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, esprimendo “profonda preoccupazione per l'aumento degli scontri in Iraq” ed esortando alla moderazione per evitare un’ulteriore escalation di violenza. Borrell ha invitato a Bruxelles il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif. 

Timori per lo stretto di Hormuz
Intanto è ancora botta e risposta tra Washington e Teheran. Dall’Iran si chiede l’evacuazione delle basi militari americane nella regione, promettendo vendetta se questo non accadrà e sostenendo di aver già individuato 35 obiettivi da colpire. Non sarebbero esclusi attacchi nello stretto di Hormuz, attraverso il quale passa circa il 20% dei traffici petroliferi mondiali via mare. La minaccia è stata subito presa sul serio da Londra che ha disposto la scorta militare per le navi battenti bandiera britannica. Da parte sua il presidente statunitense Trump aveva affermato che in caso di attacco iraniano, gli Usa sono pronti all’azione in 52 siti importanti per la cultura iraniana, 52 come gli ostaggi americani sequestrati da Teheran nel 1979. Su twitter, il ministro degli Esteri iraniano Zarif ha scritto che “colpire siti culturali sarebbe un crimine di guerra”. Entro stasera l’Iran, che ha esortato tutti i Paesi del mondo a prendere posizione contro gli Usa, deciderà se avviare una nuova fase della sua uscita dall'accordo sul nucleare.

Sako: si rilanci il dialogo, l’Iraq non sia scosso dalla violenza
In questo contesto il Patriarca della Chiesa cattolica caldea, Louis Raphael Sako, ha lanciato un accorato appello: “Gli iracheni - ha affermato - sono ancora scioccati per ciò che è successo la settimana scorsa. Hanno paura che l'Iraq si trasformi in un campo di battaglia, invece di essere una nazione sovrana in grado di proteggere i suoi cittadini e le sue ricchezze. In circostanze così critiche e tese, è saggio tenere un incontro in cui tutte le parti interessate siedano attorno a un tavolo per un dialogo ragionevole e civile che risparmi all'Iraq conseguenze inaspettate. Imploriamo Dio Onnipotente - ha concluso Sako - di garantire all'Iraq e alla regione una ‘vita normale’, pacifica, stabile e sicura, cui noi aspiriamo”.

Ieri il tweet del Papa: non si ottiene la pace se non la si spera
Francesco, in un tweet pubblicato ieri, aveva invocato la pace: “Dobbiamo credere che l’altro ha il nostro stesso bisogno di pace. Non si ottiene la pace se non la si spera. Chiediamo al Signore il dono della pace!”. Ai nostri microfoni, monsignor Shlemon Warduni, vescovo ausiliare di Baghdad, ha detto che una nuova guerra in Iraq sarebbe terribile per la popolazione e per la comunità cristiana. Le conseguenze dei conflitti le pagano sempre i più deboli.

Benedetta Capelli 

fonte: www.vaticannews.va




Fotogallery